ARCICONFRATERNITA DEL CARMINE

Venerabile Arciconfraternita del SS.mo Sacramento e di Maria SS.ma del Carmine in Trastevere


La Madonna del Carmine di Trastevere sarà in Corsica il 18 e 19 marzo 2017

Corsica 2017 Contatti

Stemma

LA CONFRATERNITA


Su desiderio dell'allora cardinale titolare della basilica di S. Crisogono, Girolamo Basso della Rovere, il 4 giugno 1489 il papa Innocenzo VIII affidò la basilica ai Carmelitani. Con loro fiorì una speciale devozione per la Madonna del Carmine e ben presto, si formò una Confraternita denominata "S. Maria Mater Dei del Carmine". Circa mezzo secolo dopo a seguito di una bolla di Paolo III emanata il 30 novembre 1539, nella quale si raccomandava uno speciale culto per il Corpo di Cristo e si concedevano indulgenze e privilegi alle Confraternite dedicate al SS.mo Sacramento, l'allora priore dei Carmelitani, Giovanni Battista Granelli nel 1543, istituì nella chiesa di S. Crisogono una nuova Confraternita che, unita alla preesistente venne denominata "Confraternita del SS.mo Corpo e della Gloriosissima Vergine Maria Mater Dei del Carmine".Il primo aprile dello stesso anno i Carmelitani diedero alla Confraternita, ad uso di oratorio, la cappella dedicata alla Vergine del Carmine, situata in fondo alla navata destra, dove era posto il mosaico di scuola Cavalliniana (oggi nel tamburo dell'abside) raffigurante la Vergine col Bambino assisa in trono fra i Santi Crisogono e Giacomo il Maggiore. Con lo svilupparsi della Confraternita la cappella oratorio divenne insufficiente a soddisfare tutte le esigenze dei confratelli che chiesero ed ottennero dai Carmelitani, il 5 febbraio 1588, anche un luogo adiacente al campanile della chiesa dove costruirono un altro oratorio. Molteplici erano i compiti dei confratelli: mantenere perpetuamente il decoro all'altare del SS.mo Sacramento e all'immagine della Vergine del Carmine; accompagnare il SS.mo Sacramento quando veniva portato agli infermi; partecipare, ogni quarta domenica del mese, alla processione dei Carmelitani in S. Crisogono; contribuire alla festa della nascita della B.V.M. (onere riservato alle consorelle); provvedere a loro spese alla processione della statua di Maria per le vie di Trastevere. Per i numerosi meriti alla Confraternita (essa già beneficiava sia delle indulgenze del SS.mo Sacramento, sia di quelle delle Confraternite del Carmine) fu concesso il titolo di Arciconfraternita e, dal 1605, anche il potere di liberare nel giorno di S. Crisogono un condannato alla pena capitale. L'Arciconfraternita aggregò a se due Confraternite fuori Roma: S. Maria Maddalena di Viterbo e Madonna del Carmine di Nettuno. Nel 1627 i confratelli acquistarono un terreno sito di fronte alla Basilica, di proprietà del cavaliere Orazio Ricci, per costruire un nuovo oratorio essendo il loro rimasto danneggiato dai lavori di costruzione del portico di S. Crisogono. L'oratorio, molto più ampio del precedente, fu fabbricato grazie alla munificenza di Scipione Borghese, cardinale titolare della basilica e sostenitore della stessa Arciconfraternita. I confratelli ebbero sempre cura della loro cappella oratorio in S. Crisogono, perno centrale di fede e luogo di sepoltura dei loro morti, che nel 1648 fu ristrutturata completamente a spese del confratello Matteo Velentini. Il 7 ottobre del 1662 Essa ottenne dal Rev. Capitolo di San Pietro, la solenne incoronazione della Vergine e del Bambino, privilegio riservato alle Immagini ritenute miracolose. Le due figure del mosaico furono fregiate con corone d'oro del valore di 166 scudi. Alcuni confratelli appartenevano alle più nobili famiglie romane, fra loro il primicerio Don Carlo Bichi e i guardiani Lelio Orsini, Francesco Marescotti, Giovanni Battiscta Costaguti. L'Arciconfraternita, la prima a Roma ad onorare la Madonna del Carmine, continua il suo cammino di Fede nonostante le asperità, dovette lasciare, in seguito ai lavori iniziati dal Comune per l'apertura di Viale Trastevere, l'oratorio sito di fronte alla basilica e da loro ampliato nel 1756, fu in primo tempo ospitata in S. Egidio e in seguito passò nella cappella di S. Caterina nella chiesa di S. Giovanni Battista dei Genovesi. Finalmente, per intercessione di S. Pio X, (peraltro sostenuta anche dal cardinale Raffaele Mary del Val segretario di stato e protettore dell'Arciconfraternita) l'11 agosto 1909 ottenne la definitiva sistemazione nella chiesa di S. Agata. L'Arciconfraternita ha avuto uno sviluppo notevolissimo, si pensi che alla fine del XVII secolo numerava circa ventimila iscritti, molti di provenienza Còrsa, mentre per i primi anni del XX secolo in ogni famiglia trasteverina vi era almeno un membro iscritto, ancora oggi nonostante lo spopolamento del "nostro" Rione il numero dei Confratelli è notevole. Nel corso dei secoli la Confraternita ha sempre mantenuto saldi i principi della verità nella divulgazione della buona dottrina: "LE SOLENNITÀ DI LUGLIO IN ONORE DELLA MADONNA DE' NOANTRI", ne sono uno dei momenti più esaltanti della vita dell'Arciconfraternita, che non si limita solo al culto eucaristico a cantare le lodi della Vergine Maria, ma si estrinseca anche nell'aspetto caritativo e formativo in sintonia con le direttive della Diocesi. L'Ottavario, che presenta un aspetto di notevole impegno liturgico e organizzativo per l'Arciconfraternita, mantiene viva e fiorente la devozione Carmelitana della Città di Roma, tanto che molti Pontefici si resero partecipi della solennità - S. Pio X nel maggio 1904 - in occasione di un'udienza particolare concessa ai Confratelli, chiese di essere iscritto nel registro Confraternale e da ultimo, in ordine di tempo, SS. Paolo VI all'inizio dell'Ottavario del 1964 si recò presso la nostra chiesa per venerare la Madonna. La lapide affissa all'ingresso della Sacrestia testimonia il Solenne evento storico che ci riporta anche al discorso pronunziato il 15 luglio 1964 da SS. Paolo VI:

"Carissimi Figli di Trastevere!"

Potete immaginare perché sono venuto... Per due ragioni. La prima la più importante è quella di onorare la Madonna. Voi fate una grande festa a Maria SS.ma, la famosa "festa de'Noantri" e sono voluto venire anch'io con voi a rendere il tributo della mia devozione e quello della mia preghiera a Maria... Quì si custodisce un'insigne Immagine Mariana dal bellissimo titolo, quella della Clemenza. Ora si è aggiunta la devozione, nel rione, alla Vergine SS.ma del Carmine, venerata da tutta la popolazione, e ben giustamente... Ebbene voglio onorare con voi La Madonna. Dobbiamo sentirci legati profondamente a Maria SS.ma perché è figlia anch'essa del genere umano, perché nostra sorella..."

Stemma

S.AGATA in TRASTEVERE


about img

Storia

La chiesa di S.Agata in Trastevere, consacrata nel 727 da papa Gregorio II nella sua casa natale, accresciuta di un insigne monastero di monaci, e di donazioni, nel volgere degli anni adibita a parocchia, concessa 1575 da Gregorio XIII alla Congregazione della Dottrina Cristiana di Roma senza più titolo parrocchiale, ormai diruta e insufficiente, fu dalla medesima congregazione ricostruita nel 1710.L a Congregazione di Avignone che dal pontefice l'ebbe in eredità nel 1746, pose a perpetua memoria nel 1820. Fu restaurata da Pio VII nel 1816 e per cura del vicegerente Angelo Maria Frattini, arcivescovo di Filippi.

Stemma

DIRETTIVO


team img

Pietro Solfizi


Governatore

team img

Americo Talevi


Tesoriere

team img

Tommaso Nobile


Segretario

team img

Silvio Rossi


Membro Direttivo

team img

Ettore Mosca


Membro Direttivo

team img

Renato Urbani


Membro Direttivo

team img
team img

don Giulio Ramiccia


Primicerio

Stemma

PROGRAMMA RELIGIOSO
2016


16 LUGLIO

  • 09:30

  • Chiesa di S. Agata S. Messa in onore di Maria con presentazione al Primicerio ed investitura dei nuovi confratelli.
  • 11:00

  • Chiesa di S. Agata S. Messa in onore di Maria
  • h.17:00

  • S.ta Messa Pontificale nella Basilica di S. Crisogono
  • h.18:30

  • La Sig.ra Sindaco di Roma Capitale onora la Madonna del Carmine con un dono alla Confraternita

  • Inizio processione tradizionale per le vie del
    Rione di Trastevere
  • L.go S. Giovanni de' Matha, attraversamento Viale Trastevere, Via della Lungaretta, Via della Luce, Via dei Genovesi, Vicolo dei Tabacchi, Via della Luce, P.zza Mastai, Via della Luce, P.zza S. Francesco d'Assisi, sagrato Chiesa, Via S. Francesco a Ripa, Viale Trastevere (direzione stazione), Via Emilio Morosini, Via Roma Libera, P.zza San Cosimato, giro della piazza, Via Luciano Manara, Via delle Fratte di Trastevere, Viale Trastevere, Basilica di San Crisogono.
  • La Banda Musicale del Corpo di Polizia locale di Roma Capitale accompagnerà la processione nel suo percorso. Una fanfara dei Bersaglieri, offerta dal Comune di Roma Capitale, accoglie l'arrivo della Processione davanti al Sagrato della Basilica di S. Crisogono.
Vedi Percorso

17 LUGLIO

  • 20:00

  • Processione notturna di rientro in S. Agata
  • La Sacra Statua, lascia la Basilica di S. Crisogono e rientra nella Chiesa di S.Agata con una solenne processione a cui prenderanno parte un buon numero di fedeli.

23 LUGLIO

  • 17:00

  • Santa Messa in lingua Corsa.
  • L’ Arciconfraternita del SS.mo Sacramento e Maria SS.ma del Carmine in Trastevere partecipa insieme ai confratelli Corsi alla Santa Messa in lingua Corsa che verrà celebrata nella Basilica di S. Crisogono. Al termine ci sarà la deposizione di una targa memoria all’interno dell’androne della Basilica stessa.

24 LUGLIO

  • 19:00

  • Rievocazione storica della Processione
  • MADONNA FIUMAROLA

  • Alla presenza delle massime Autorità Religiose e Civili, che saliranno a bordo dei natanti messi a disposizione dalla Confraternita, si snoderà la processione fluviale della "Madonna Fiumarola".
  • Accompagnata dai gommoni della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, dai Vigili del Fuoco, dalle imbarcazioni dei circoli di canottaggio romani e dai fedeli su altre imbarcazioni, si arriverà così all'imbarcadero di Calata degli Anguillara (Ponte Garibaldi) dove inizierà una processione terrestre che porterà la Sacra Immagine nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, percorrendo alcune strade del Rione:
    attraversamento Lungotevere degli Anguillara, tratto di Viale Trastevere, L.go San Giovanni de Matha, Via della Lungaretta, Piazza Santa Maria in Trastevere - Arrivo nella Basilica di S.ta Maria in Trastevere.

25 LUGLIO

  • 06:30

  • Santa Messa nella Basilica di S. Maria in Trastevere
  • 07:00

  • SOLENNE PROCESSIONE MATTUTINA DI RIENTRO
  • h.09:30

  • S. Messa di ringraziamento nella Chiesa di S. Agata con distribuzione delle rose che verranno benedette durante la S. Messa
  • Piazza di Santa Maria in Trastevere, Via della Fonte d’Olio, Vicolo del Piede, Piazza de’ Renzi, Via del Cipresso, Vicolo de’ Cinque, Piazza di S. Egidio, Vicolo del Cedro, Via del Mattonato, Via Garibaldi, Via di S. Dorotea, Via Benedetta, Via del Moro, Piazza di S. Apollonia, Via della Lungaretta, Largo S. Giovanni de’ Matha – Chiesa S. Agata.

Stemma

INCONTRI 2017


ore 19:00 - Catechesi su un Santo legato alla Confraternita

ore 20:00 - Celebrazione della S.Messa. Segue cena insieme

16 GENNAIO

  • Confraternita del Senor de los Milagros
  • Via della Lungaretta, 22/a

6 FEBBRAIO

  • Arciconfraternita del Ss.Sacramento e di Maria Santissima del Carmine in Trastevere
  • Largo San Giovanni de Matha, 9

6 MARZO

  • Arciconfraternita di San Giovanni
    Battista de' Genovesi
  • via Anicia, 12

7 APRILE

  • Via Crucis per le vie del Centro Storico, con partenza alle ore 19:45 da S.Caterina da Siena.

8 MAGGIO

  • S.Maria di Loreto a Castel Verde
    via S.Maria di Loreto [A24 Uscita P.te di Nona]

5 GIUGNO

  • Confraternita di Sant'Antonio da Padova
    via di Santa Dorotea, 23

Stemma

CONTATTI


INFO

Largo San Giovanni De' Matha 9 - 00153 - Roma
[Rione di Trastevere]

TELEFONO

+39 06. 58.03.717